I più grandi rifugi per chi pratica sci alpinismo

22/09/2011

Lo sci per la grande maggioranza si associa alle piste ben preparate, agli impianti di risalita, a comprensori organizzati ed efficienti. Per molti ma non per tutti! Una parte di chi ama sciare, ama farlo in luoghi lontani dalle piste, ad alte quote, senza il classico affollamento e confusione! Ha come unico scopo quello di arrivare in cima, se ben con fatica, e scendere poi su manti di neve candida fino a valle, oltrepassando pascoli alpini e boschi innevati.

Un tour di sci alpinismo è senza dubbio un’esperienza unica per gli amanti di questa disciplina. Solo gli sciatori più ambiziosi e meglio preparati possono praticarla. Molto spesso i tour durano anche per più giorni e ci si appoggia per trovare riparo per la notte, in comodi ed accoglienti rifugi, sperduti nel cuore delle montagne e circondati da tantissima neve.

La rivista Alpin ha cercato di elencare i rifugi più grandi delle Alpi che si raggiungono facendo sci alpinismo. Ve ne presentiamo alcuni:

  • Rifugio Monte Rosa, Alpi del Vallese

Chi vuole raggiungere la cima più elevata delle Alpi Occidentali, al Rifugio Monte Rosa è nel posto giusto!Si accede da Zermatt dalla stazione Rotenboden e Gronergrat in 2 ore. Il rifugio è aperto da marzo fino a settembre e offre fino a 150 posti letto. Dal Rifugio Monte Rosa si possono raggiungere anche le cime: Dufour (4634 m), Parrot (4432 m) e Signalkuppe (4554 m).

  • Rifugio Cesare Branca, Ortler

L'Ortles si trova tra l’Alto Adige e la Lombardia. Il Rifugio, a 2493 metri, si propone come un punto di partenza ideale per lo sci alpinismo sul Cevedale, la Cima di Peio o Palon de la Mare. Il rifugio è una scelta per veri intenditori! La cucina è eccellente!

  • Rifugio Essener-Rostocker

Cima Dreiherrn (3499 m) e Cima Simony: sono solo due delle cime che avrete ai vostri piedi dal Rifugio Essen Rostock. Il rifugio, con 100 posti letto, si raggiunge in due ore da Virgental. Il rifugio è arredato in stile moderno, con una particolare attenzione all’ecologia e all’ambiente. Oltre al famoso Gruppo del Venediger, dal Rifugio Essen-Rostock si possono raggiungere anche il Geiger (3360 m) o il Grande Happ (3.350 m). Il rifugio è aperto da metà marzo ai primi di maggio.

  • Rifugio Berliner, Alpi dello Zillertal

Il rifugio Berliner sulle Alpi dello Zillertal in inverno è qualcosa per pochi privilegiati. Offre un’attrezzata sala con 14 posti letto. Dal rifugio a 2040 m di altezza, che si raggiunge da Zemmgrund, si possono raggiungere per esempio: il Gran Möseler, la Cima Berliner (chiamato anche Corno a 5 punte) o lo Schwarzenstein.